Gli Altri - Prati. Ombre. Monoliti



Vengono da Savona e propongono un incrocio tra l’hc italiano anni '90 e lo screamo di quell’epoca, codiuvati da un violino per rendere tutto più straziante e atmosferico.
Per interderci, siamo a metà strada tra laQuiete/Raein e i Frammenti con quel tocco di cantautori che la verbosità de Gli Altri sicuramente richiama.
Certamente qui ad xUAx siamo più a nostro agio con tematiche maggiormente delicate ed introspettive come Satana, i bestemmioni, le invettive contro la PS etc., ma comunque non si può non riconoscere ai ragazzi una certa maestria nel portare fuori quest’introspezione, creando una stranissima “tensione calma” e anche una certa ansietta coi loro strumenti e le loro voci incrociate.
Se non vi cambiate le mutande e ascoltate solo i Doom passate avanti, se invece avete nostalgia di un certo hardcore anni '90 e volete fare un ascolto sognante e riflessivo, questo disco è disponibile in LP ed è coprodotto da ben 38 etichette.

-------------------

Hailing from Savona, this band mix mid 90s italian hc with screamo stuff of the same era adding a violin to get in right haunting mood.
Think of laQuiete/Raein meets Frammenti with deep influence from the italian school of singers songwiters/protest singers from the past.
xUAx is accostumed with more delicate and poetic lyrical themes such Satan, violence, blasphemy and anticop songs, but we have to admit that Gli Altri know how to delive some touchy introspective lyrics and to create a strange feeling of “static tension” and also axiety.
If you’re not into changing your underwear and you blast Doom all day long stay the fuck away from those guys instead, if you miss the 90s poetic vein of hc, grab the vinyl.

BANDCAMP

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Facci sapere cosa pensi / Voice your opinion