INTERVISTA AI SIEGE (ITA)


ENGLISH INTERVIEW: LINK

1) Salve ragazzi, come va? Di cosa vi occupate adesso? Siete ancora attivi con qualche band?
Questi show di reunion e le relative prove per prepararli hanno ovviamente la priorità.
La reazione dei fan è stata esplosiva, è stato incredible incontrare di nuovo i vecchi amici di penna europei e inglesi e vedere come il nostro messaggio ha continuato a risuonare. L’inizio di tutto è stato fare un set di pezzi dei Siege con la Powerhouse punk band chiamata Dropdead al Maryland Death Fest un paio di anni fa, che ci ha condotti alla resurrezione e al ritorno sul palco.

2) Ci dite cinque dischi che per voi sono un'ifluenza obbligatoria e il perché sono importanti per il vostro sound?
Bhe, comincirei con Discharge “Why?” e “Hear Nothing…” un intramontabile ammasso di martellante rumore politico! E poi anche i loro primi singoli.
I Siege erano grandi fan dei Devo, sentire dal vivo “Smart Patrol/Mr.DNA" suonata dal vivo era incredibile. E' stato il gruppo che ci ha uniti da ragazzini.
I Void di Washintong DC con la loro chiassosa chitarra, le tracce della compilation “Flex Your Head” e lo split 12”.
Anche i primi SS Decontrol e i primi Gang Green (quando erano in 3), sono stati certamente un’influenza.


3) Per un breve periodo, il leggendario frontman degli Anal Cunt Seth Putnam (RIP) ha fatto parte dei Siege. Alcuni dicono che fosse completamente fuori, altri lo descrivono come una persona amabile... Ci raccontate qualcosa su di lui? (Magari qualche storia legata ai concerti).
Seth ha jammato con i Siege quando era più piccolo ed aveva una dedizione fuori dalla norma per l’estremismo, sia dal punto di vista musicale che in fatto di performance. Prendeva più di un bus e viaggiava per ore soltanto per venire a cantare con noi.

4) Ugualmente, il vostro cantante originale Kevin Mahoney, non è più tra noi. Vi va di condividere con noi un ricordo di lui? Aveva uno stile vocale a dir poco unico!
Screamin’Kevin Mahoney era un personaggio! Una voce aspra, molto aspra ma un uomo veramente gentile. Un poeta, molto dentro al suo “sindacato” (employees union). Era il tipo a cui piaceva scolarsi una bottiglia... o anche due.
I live shows con la formazione originale dei Siege erano insania pura.


5) Ci sono un sacco di cover dei Siege in giro. Secondo voi qual è la migliore?
Senza dubbio Walls fatta dai Napalm Death sulle loro Peel Sessions e poi Drop Dead fatta dagli Exhumed.
Personalmente preferisco le versioni metal.

6) Come è saltata fuori l’idea per “Grim Reaper”, pezzo totalmente differente dagli altri?
Mahoney ed io andavamo matti per i Flipper, i loro testi e il sax di Sex Bomb ci prendevano abbastanza. A Mahoney piaceva una sacco di roba col sax, tipo James Chance, parecchio ska e noi  Siege eravamo fissati con le colonne sonore dei film horror.
Comunque, un sacco di gruppi avevano quel pezzo “lento” e strambo, vedi SSD con “Police Beat”, Govt Issue con “Sheer Terror” etc.
Ci stavamo anche noi espandendo in quella direzione, ma in modo più brutale.

7) Com'era la scena di Boston negli anni '80? Vi sentivate parte di essa?
Bhe, i Siege non sono mai stati straight edge come molti dell’original Boston Crew, ma crescere quando questa musica stava nascendo in una città “universitaria” e artistica come Boston è stato certamente incredibile.


8) Vi va di raccontarci com'era tenersi in contatto con gli altri gruppi nel periodo in cui non esisteva internet?
C’erano un sacco di clubs in più, gruppi che spaccavano in più e molti concerti, e da un lato era più facile per i ragazzi affittare la propia sala e fare concerti. Era vero DIY, uno spirito che è ancora vivo nella scene di ogni dove e che mi fa sempre piacere vedere presente.

9) C’è qualche giovane formazione che merita la nostra attenzione? Conoscete qualche gruppo italiano?
Ah, ci sono molti gruppi che spaccano e hanno un messagio positivo.
Oggi sul mio giradischi ho i Tragedy con “Nerve Damage”, i Thulsa Doom da Philadelphia e FYPM e qualunque cosa faccia Tony Erba. Sento tanta musica nuova ultimamente. Per quanto riguarda le bands italiane, amavamo tutti i Raw Power, ovviamente.
Sono un grande fan di Giulio e dei Cripple Bastards. Lui ha anche cantato una canzone in un'opera ante guerra che ho scritto e che si chiama “So Be It” che uscirà per Deep 6 Records.


10) Cosa vuol dire essere un punk? Qualcosa che di comprensibile solo in un dato periodo o qualcosa di ancora vivo?
Essere un punk vuol dire mostrare il dito medio a chiunque giudichi il modo in cui vivi. Il punk dice “fanculo” alle vecchie e convenzionali maniere includendo, in modo particolare, la musica sia nel modo di registrare che di performare. Punk rock è suonare il violino mentre Roma brucia. Usando riffs da 3 accordi introduciamo i moderni farisei verso il loro percorso politico ed ideologico. Finchè esisteranno i porci, la repressione e le loro opionioni del cazzo ci sarà il punk con tutti i suoi sottogeneri.

11) Ascolti altri generi, oltre il punk?
Ascolto musica elettronica ed ambient come Tim Hecker e Sky Burial/Micheal Page.
Mi piacciono i classici contemporanei come Takemitsu, Elliot Carte e Morton Feldman ma, al momento, sto ascoltando Chaotic Dischord - "Fuck the World".


12) Potresti raccontarci come si è formata la vostra band?
Gli strumentisti dei Siege si sono conosciuti alle scuole secondarie. Ad unirci è stata la comune passione che avevamo per i classici del cinema horror - quelli dei maestri italiani sono certamente tra questi.
Più avanti siamo approdati al punk e alla new wave ed ho conosciuto il cantante, Screamin' Kev Mahoney, tramite un amico del mio club di teatro. Kevin Mahoney era il cognato di Rick, cantante e bassista della band Jerry's Kids di Boston.

13) C’è qualche momento live particolarmente divertente/intenso che volete raccontarci?

I recenti shows europei dei Siege, al Bloodshed festival olandese e al Temple of Boom inglese sono stati un fottuto delirio, soprattutto grazie ai fans.
Voglio salutare tutti quegli scoppiati dei Leeds, Nic Bullen, Malik, la Scottish Punk Family, Elios EatGrapes e, ovviamente, Olaf.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Facci sapere cosa pensi / Voice your opinion