# MASCOTS FROM HELL 1 (ITA)

E' cosa nota a tutti che l'heavy metal è un genere che dal punto di vista grafico ha regalato molto, sia in alto che in basso, e che il livello di tamarraggine si è sempre mantenuto alto. Negli anni, una cosa che ha infatti contraddistinto le band ad ogni latitudine sono state le mascotte, generalmente più trucide e improbabili possibile, che hanno certamente adornato le maglie e gli smanicati di molti di noi.
Facciamoci allora una carrellata delle creature che hanno adornato con gloria le copertine degli album più molesti di sempre!



Martha Splatterhead: essenzialmente Martha Splatter è Eddie con le tette di Tura Satana ed una spiccata propensione alla violenza. Compare su un buon numero di copertine degli splatter rockers Accused ma, curiosamente, non nell'EP  dell'85 che si chiama "Martha Splatterhead", per poi ricomparire sul successivo LP "The Return...of Martha Splatterhead". Disegnata dal chitarrista Tommy Niemeyer, Martha va in giro a uccidere e divora (citiamo testualmente da un numero della mitica zine RRRRROOOAAARRR ) i "cattivi" ovvero stupratori, razzisti e altri nemici della società civile. Voi tenetevi Levante,Billie Eilish e il girl-power, noi ci teniamo la splatterhead!




Allister Fiend: "dopo tanti anni passati in vari manicomi del mondo era chiaro che non c'era cura per la voglia di marcio rock'n'roll di Allister Fiend,così è stato chiuso in una cella di un ospedale psichiatrico per sempre...o così pensavano. Ma in una notte in cui la luna piena era alta nel cielo, urla di dolore e angoscia ruppero il silenzio notturno e Allister Fiend fu finalmente libero. A quanto si dice, esce fuori solo la notte nei tuoi incubi peggiori. Tutto ciò che si sa è che ha placato la sua sete di r'n'r grazie ai Motley Crue". Eh sì, adesso parliamo di un pezzo da 90 come i Motley Crue che, a insaputa di molti, hanno una cazzo di mascotte: il secchissimo Allister. Infatti campeggia su buona parte del merch anni '80 di sopracitati tossici a stelle e strisce, e ricorda molto da vicino quel buontempone di Nikki Sixx. Pare infatti che quest'ultimo, in un delirio lisergico, si sia sognato questo allampanato figuro scemo per il rock. Da notare come lo spoken intro "In The Begining" su Shout at the devil sia accreditato proprio al mefistofelico Fiend. Purtroppo non si trovano info sull'artista che l'ha creato.



Fangface: succede spesso che un chitarrista o un altro membro cambi band, ma una mascotte può cambiare band? oh...certo che sì! Il nostro Fangface lo ha fatto eccome! Questo  mostrillo tutto zanne esordisce sul mitico EP d'esordio degli Helloween, dove sembra uscire da un uovo o qualcosa di simile, e nel successivo "Walls of Jericho", dove butta giù le mura a ceffoni (altro che trombette). Successivamente, come tutti noi sappiamo, Kai Hansen prende le sue tamarrissime chitarre rosse, se ne va via dalle zucche di Amburgo e fonda i Gamma Ray. Oltre a portarsi via il modo giusto di cantare "Victims of Fate", si porta via anche Fangface, che comincia a fare capolino dall'arcinoto Land Of the Free (dopo un sfilza di copertine da TSO). In origine disegnato da Uwe Karczewski (anche lui di Amburgo, disegnerà buona parte delle copertine delle zucche, altre tamarrate con Hellish Crossfire degli Iron Angel e quelle degli StormWarrior), in seguito dal mitico Derek Riggs (dai che lo sapete cosa ha disegnato!!!), ma FangFace non è nato dalla mente di nessuno dei due designers, bensì era una maschera di Halloween (no pun intended) del '77 creata dal Zagone Studio e venduta negli States, ma come ci arriva ad Amburgo? Un giovane Piet Sielck (Iron Saviour) va in vacanza in America e si porta dietro questo parastazzo spaventoso, che colpisce la mente di Hansen tanto da portarselo dietro per anni e anni.


!!!BONUS!!!


Van Alien: Provieniente dal pianeta Ur-Ano (tra Pirri e Quartu) questo alienaccio thrashone è stato trovato sbronzo alla guida della sua navicella. Gli è stata quindi ritirata la patente stellare, e si trova bloccato sulla Terra, dove perseguita gli Abduction (valente thrash band sarda di qui vi abbiamo gia parlato), rubandogli proprio l'alcol che la band ingurgita in quantità cospicue. Van Alien è stato disegnato da Stefano Paynt per una maglietta degli Abduction, ed è stato nominato così da Logan, chitarrista dei Loanshark e amico della band. La prima mascotte sarda di questa rubrica!


0 Read More »

MASCOTS FROM HELL 1 (ENGL)

0
It's common knowledge that heavy metal is a genre, which from a graphic point of view, gives a lot both at the top and at the bottom of the spectrum of the quality, and that the level of visual debauchery has always settled at a good level. One aspect which has characterized the bands at every latitude are the mascots, generally the most sleazy and improbable as possible, that have certainly adorned the shirts and kutten of many of us. Let's take a look at the creatures that have adorned with glory the front covers of the most obnoxious albums of all times.


Martha Splatterhead: Martha is basically Eddie with a punker haircut and Tura Satana's tits and, last but not least, a distinct inclination for savage violence. She appears on a good number of artworks by the american splatterock heroes The Accused, but oddly not in the '85 EP named (surprise surprise) "Martha Splatterhead", she will feature on the killer follow up "Return of...Martha Splatterhead". A creation of the pencil of Tommy Niemeyer. Martha likes to kill and devour (quoting an issue of the italian zine RRRRROOOAAARRR) the "bad guys": racists, rapists and other enemies of the civilized society! So keep Billie Eilish and the "girl power", we prefer to keep Martha Splatterhead.


Allister Fiend: "After spending many years in mental institutions around the world, it was inevitable that there was no cure for his lust for blood curdling rock’n’roll. So Allister Fiend was to be locked away in a padded cell never to be seen or heard from again… or so they thought…But late one night, full moon hanging in the sky, screams of anguish and pain broke the stillness of night and Allister Fiend was free at last. As the story goes, Allister Fiend is forever insane and only comes out at night or in your wildest nightmares. All that is known, however, is he has finally quenched his blood thirsty craving for rock’n’roll in Mötley Crüe, which is the very blood that keeps him alive!". Ok, this time we are talking about a showbiz heavy weight, not many are aware that the infamous Motley Crue bastards have a freaking'mascot. The skinny and logobrious Allister ruled a consistent part of  the sleazy merch of those junkie stars, and striped fuckers remebering the appereance of that merry fellow Nikki Sixx. Appartently Sixx dreamed the crazy sleazer in a lisergic situation! The name Allister Fiend is also quoted in the spoken word track "In the beginning" from the mastepiece "Shout at the devil".Cant find who's the artist behind!



Fangface: It's common for a band to have line-up changes, members comes and members goes, but can a mascot change a band? Of course it can, and our friend Fangface did it!
This buck-toothed bad ass first appeareance is on the kick-ass debut EP of Helloween, where it looks like is hatching out of an egg or something, and in the sophomore "Walls Of Jericho" where is tearing down a wall with is bare hands (trumpets are for losers). Then we all know the story Kai Hansen, packs his bloored v-shapes and leaves the Hamburg's pumpkins to start his own band Gamma Ray, and so he takes with him the correct way to sing "Victim of Fate" and, of course, Fangface that pops up on the highly notable full-lengh "Land of the Free"(after a truck-load of abominable covers).  At first drawn by Uwe Karczewski (Hamburg based designer that made several Helloween artworks and cult like paintings like Hellish Crossfire by Iron Angel and the one of StormWarrior), then the monster was reworked by the cult illustrator Derek Riggs (we do have really have to mention what he did?). Fangface itself is not a creation of the aforamentioned designers, but an Halloween mask (no pun intended) created in 1977 by Zagone Studio, and sold in the States for intense trick or treat sessions, but how do that wretched piece of silicon arrived in Germany? A young Piet Sielck (Iron Saviour) goes on holiday there, and buy a mask that strikes Hansen attention to the point of becoming a symbol.


!!!BONUS!!!


Van Alien: Since we come from Sardinia, we need to mention a Sardian mascotte! Van Alien is from Ur-Anus (near Quartu and Pirri), and his cosmic driving license is gone, because he drinks too much while he drives his flying  saucer. So is stuck on earth, and his main occupation is to persecute the thrash metal band Abduction in search for the alchohol he needs! This green dude was created by Stefano Paynt and named by Logan (guitar in Loanshark), a close friend of the band.

Read More »

SABIRE INTERVIEW (ENGL)

0

1) Hi Scarlett! We know that Sabire (we always pronounced Sabeer, we are right?) is a hero-like character from a fantasy universe of your creation. Can you tell us more about him and his story? One of us is hooked on old fantasy/sci-fi one shot books, like Under the Moon of Mars, Conan or the Lovecraft stuff, are you in it too? In Italy those kind of stuff was published in cheap 1buck/100 pages books, do you have something similar?

Hey! Yes, you are correct that in your pronunciation. So Sabire, short for Sabirátòk, was a male born of the high race of beings known as Strecken. Streckens are the 2nd highest beings on the planet of Gaigot, on a purely biological level. At one point in history, there was an imperialistic uprising by another race of peoples called Eirlakonians. These people aimed to ultimately enslave much of the world, and through hard work and loss of life, they managed to take down the Streckish people and keep them down under the yolk of oppression for centuries. As a spiteful insult to their natural “highness,” each Streckish child had a region specific piece of metal inserted under their skin on their forehead as an identifier. There was nothing anyone could do...at least not successfully.

There were groups of Streckens that did revolt and band together and became guerilla warriors hidden in the wilds, known simply as Renegade Streckish. These groups actually managed to detach themselves so much from their own culture, and with such malicious intent, that they actually “changed” and became lesser Streckens as a result. They were, and remained, heros to no one. So, with no hope, Streckens lost their light and faded to grey as the wheel of Eirlakonian oppression continued to turn. Until one day, a Streckish boy was born in the heart of the Empire, in Eirlakonia Citika, with the name Sabirátòk, and a blessing from the creator. Always a rambunctious and mischievous young boy, Sabire was a natural rebel.

While this may seem normal, this was not the case with people now with generations born into nothing but slavery, and only quiet campfire stories of their history past down by eldars. By his late teens, he had a severe reputation for trouble and was frequently in street brawls. It was only a matter of time before he picked a fight with the wrong people, and a strong weapon was used on him. A blow aimed at his neck struck him and shattered the blade that was used.

To keep things brief here, essentially, Sabire was blessed with invulnerability from the neck up; he could not be touched here. This was an act of divine intervention and would become legendary in his story. Again, to keep this short, Sabire had enough of everything, the oppression, the grey, the misery. He cut out his metal embedding in a fit of rage and was thus touched by the divine.

He heard a voice as clear as day telling him to channel his rage and rebellion into rally, and restore hope to his people. He did more than that. To keep it short, he was successful. He lead his people out of the grey, restored their light and overthrew the Eirlakonian empire, never to rise again. Sabirátòk was the greatest Strecken to ever have lived, and he attained god-like status after his passing. To this day, out of respect, no Streckish boy is to ever be given his name.
Lovecraft is a major favourite of mine. I applaud and adore his work.


2) The mini album “Gates Ajar” is a lightning out of the blue in the heavy-speed metal scene and its sound is perfect and powerful. How did you shaped your sound and how did you recorded it? Digital process or analogic madness? What “Gates Ajar” means?

Thanks very much for the kind words. Everything was recorded into a digital audio workstation. We recorded the drums through an analogue desk, and the vocals through a tube preamp. Everything was mixed and mastered digitally by myself. Gates Ajar is an actual place in remote northern Ontario in Canada. I spent a great deal of time in this area for much of my life and the land is very close to me.



3) There are some hard rock layers into the sound of Sabire, like if Wasp, Scorpions or Shout At The Devil era Crue had a violent speed metal twist. Especially the vocal are like an alternative Blackie Lawless from an ancient land. Do you agree?

Haha I suppose so! I like the description.


4) Ok, this is a punk-hc webzine and we know that you had some punk band before Sabire, so we have a mandatory question: what do you think about the punk sound and ethos?

Punk is very important to me because that’s where I came from. I didn’t grow up on heavy metal or hard rock at all. I think the best thing to me about the original punk ethos from Britain was to present yourself as yourself to the fullest extent. The best thing to me about the orignal punk ethos from America, and I’m speaking strictly 70’s here, not hardcore, was the aggresive devil-may-care attitude towards the music and image.


5) We need  5 record (or more) that are mandatory for the Sabire sound, and we need also a brief description for each record!

This is a really great question. I think this is actually the best way of describing the influences of Sabïre’s sound. So here we go. As follows, the 5 most important records that shaped myself and subsequently Sabïre

  1. Rudimentary Peni - Death Church. The origin of my obsession with the “acidic sound,” and a profound shaper of my approach to guitar tone. This is the album that started it all. If there were no “Death Church,” there would be no Acid Metal.
  2. The Offspring - s/t. This album too, was a massive influence on my guitar playing, songwriting, and approach to music. The biting rattle of this album is a quintessential influence on Sabïre and the Acid Metal genre.
  3. Loreena McKennit - The Mask and the Mirror. The full bodied swell of this album and Loreena’s voice are a major influence on myself and Sabïre. The fullness here is vital to balancing out the biting sound of Acid Metal.  You can hear this clearly on “Helheim,” “Daemons Calling” and even “Slave to the Whip.”
  4.  Bathory - s/t. This album is another major factor in shaping the sound of my playing, and approach with Sabïre. I even play Ibanez Destroyers just as Quorthon before me! I cannot stress enough how much this album, and “The Return......”, help to shape the Acid Metal sound.
  5. Venom - Black Metal. This album may not be as “acidic” as some of the others listed, but the guitar style, bass style, and drumming approach are all extremely vital to the Sabïre sound. The grooves and power on this album are the thunder behind Sabïre.
!!BONUS!! 
6. The Beatles - A Hard Day’s Night. I could not leave this out, I’m sorry. If it were not for the Beatles, I would not be in music. This album and the early Beatles albums are too, vital to the sound of Sabïre. From the steady drumbeats, to the vocal harmonies, from the intentions behind the vocals, to even production approach, the Beatles and “A Hard Day’s Night” are a core component to Sabïre’s sound.

6) There are some notable bands that needs to be exposed these days? Unveil some underground gems or praise some already known names!

Smooch from Melbourne is a serious favourite of mine. Check out their debut promotional single on the Pissfart records bandcamp https://pissfartrecords.bandcamp.com/album/smooch-promo. I would recommend them to anyone. Chevalier from Finland are amazing. Sign of the Jackal from Italy are beautiful.


7) Something always caught our attention in the heavy metal scene are the crazy oufits that metalheads carry-on sporting with pride! How a metalhead should look in your opinion? What’s your favourite metal outfit\garment?

They should look like they care about their appearance! Find what you like and exploit it to the fullest extent of your ability. Become the you you’ve always dreamed of being. It’s hard to pick a favourite heavy metal garment, but if I had to choose, a good pair of interesting earrings, or a single dangler, will never steer you wrong.


8) Let’s talk about your next moves. What lies ahead? Singles or a full-length?

We’ll be doing a standalone single called “Mistress Mistress” first before anything else. Then, there will be a promotional single from the upcoming full length shortly before the big release. This will feature and extended mix of the track. The full length is called “Jätt,” which is the Streckish word for “hell.” The album will explore the broad and subjective theme of hell. After the full length, there will be a 3-track EP. Beyond that, I can only say there will be another full length; the title, artwork and songs are all determined already.


9) The artwork looks really like an old fantasy book. Who’s behind it? Who are your favourite artists in term of visual-arts (in metal covers or in general)?

The artwork was done by Didier Normand, a great artist. My favourite artists that I know the name of are: Nick Blinko, Nick Bantock, Francisco Goya, William Blake, Michael Whelan, Vincent van Gogh, Salvidor Dali, John Martin...mate, there are too many to name!


10) Free space. Thank you!

Thanks so much for a great interview. It was good talking to a punk fanzine for a change, and there were some great questions there that others have not asked before. Thank-you for having me.


Read More »

INTERVISTA AI SABIRE (ITA)

0

1) Ciao Scarlett! Sappiamo che Sabire (noi lo pronunciamo "Sabeer", ci abbiamo beccato?) è un eroe di un universo fantasy di tua creazione. Ci puoi dire la sua storia? Uno di noi è mangiato dai libricini fantasy sci-fi tipo, Sotto le Lune di Marte, Conan e Lovecraft. Ci sei dentro pure tu? In italia questo tipo di cose venivano pubblicate in libracci economici da un euro, esiste qualcosa di simile anche dalle tue parti?

Hey! Sì, lo pronunciate giusto. Allora Sabire, soprannome di Sabirátòk, era un maschio della razza di esseri superiori conosciuti come Strecken. Gli Streckens sono la seconda razza superiore sul pianeta Gaigot, a livello puramente biologico. In un momento particolare della loro storia c'è stata una sollevazione imperialista da un'altra razza di persone chiamata Eirlakonians. Questi ultimi miravano a schiavizzare le altre genti quanto più potevano e, con aspre lotte e perdite di vite, riuscirono a sottomettere gli Streckish sotto il loro giogo di oppressione per centinaia di anni. In spregio a questo insulto alla loro regalità, ad ogni bambino streckish venne impiantato un pezzo di metallo di riconoscimento (specifico per regione) sulla fronte. Nessuno poteva fare niente... almeno non niente di significativo. C'erano dei gruppi di Streckish rivoltosi che, nascosti nella natura selvaggia, diventavano guerriglieri, conosciuti come Streckish rinnegati. Questi gruppi però si allontanarono e dimenticarono la loro stessa cultura, cambiando e diventando degli streckish minori. Non erano degli eroi per nessuno.quindi senza speranza. Gli Streckens persero la loro luce, caddero in disgrazia e l'oppressione degli Eirlakonian continuò, fino al giorno in cui un ragazzo Streckish naque nel cuore dell'impero, nella cità di Eirlakonia, con il nome di Sabirátòk e una benedizione dal creatore. Sempre esuberante e malizioso, Sabire era un ribelle nato. Potrebbe sembrare normale per una ragazzo di quell'età, ma non era la norma per gli Streckish dopo generazioni di schiavitù e solo storie intorno al fuoco di quando erano un grande popolo,
sussurate a bassa voce dagli anziani. Durante l'adolescenza Sabire aveca una cattiva reputazione a causa dei guai in cui era in mezzo e delle risse in cui si infilava. Fu solo questione di tempo prima di scornarsi con le persone sbagliate. Gli venne inferto un colpo con un'arma sul collo, ma fu la lama a rompersi. Si comprese così che Sabire era benedetto con l'invulnerabilità dal collo in su: non poteva essere ferito in quella zona del suo corpo. Questo intervento divino diventò una leggenda nel tempo.
Per farla breve Sabire, stanco dell'oppressione e della miseria, in una raptus si tolse la placca di metallo di riconoscimento e sentì una voce divina, che gli disse di incanalare la sua rabbia in una ribellione per il suo popolo, per dare di nuovo speranza agli Strecken. Egli fece però più di così: riuscì a far risalire il suo popolo dalla misera e rovesciò l’impero Eirlakoniano, che mai più risorse. Sabirátòk divenne il più grande Strecken mai vissuto. Dopo la sua morte divenne una figura divina e, in segno di rispetto, il suo nome non venne mai più dato a nessun bambino Streckish.

[in risposta all'altra domanda] Lovercraft è la mia influenza più importante. Un plauso ai suoi lavori, che adoro.


2) Il mini “Gates Ajar” è un fulmine a ciel sereno nella scena heavy speed il sound. E' perfetto e potente. Come avete dato forma al suono e come lo avete registrato? Processo digitale o follia analogica?  Cosa vuol dire “Gates Ajar”?

Grazie per le belle parole. Tutto è stato registrato in una workstation digitale, ma la batteria è stata registrata attraverso un banco analogico e la voce attraverso un pre-amplificatore a valvole. Tutto è stato mixato e masterizzato digitalmente da me. Gates Ajar è un posto realmente esistente in un angolo remoto dell’Ontario del nord, in Canada. Ci ho passato un sacco di tempo per molta della mia vita e sento questa terra molto vicina a me.



3) Ci sono sicuramente delle influenze  hard rock nel sound dei Sabire, come se i W.A.S.P., gli Scorpions o i Crue di "Shout at the devil" avvessero imbroccato un violento cambio di direzione speed metal. Soprattutto la voce sembra quella di un Blackie Lawless di una terra antica. Sei d’accordo?

Hahahahah penso di si! Mi piace la descrizione.


4) Ok questa è una webzine punl-hc e sappiamo che hai fatto parte di qualche band punk prima dei Sabire, quindi c’è la domanda obbligatoria: cosa pensi del sound del punk e dei suoi ideali?

Il punk è stato importante per me, perché è da lì che vengo. Non sono cresciuto nella scena Heavy o Hard rock. Per me il miglior ideale del punk inglese originale è esprimere te stesso come il te stesso all’ennesima potenza. Mentre la cosa migliore del punk americano, e parlo strettamente di quello anni 70 qui, non dell’hardcore, è l’attitudine aggressiva e spregiudicata verso la musica e l’immagine.



5) Dacci 5 (o più) dischi obbligatori per il sound dei Sabire, con una piccola descrizione per ognuno!

Questa è davvero un bella domanda. Penso che sia il modo migliore per descrivere  le influenze e il suono dei Sabire. Quindi ecco qua di seguito 5 tra i più importanti dischi che mi hanno formato e, di conseguenza, che hanno formato i Sabire.

1. Rudimentary Peni - Death Church. L’origine dell’ossessione per l’Acidic Sound e una profonda influenza per ciò che riguarda il suono di chitarra. L’album con il quale è cominciato tutto. Se non fosse esistito “Death Church”, non ci sarebbe stato l’Acid Metal.

2. The Offspring - s/t. Anche quest’album ha avuto una grande influenza sul mio modo di suonare la chitarra, sul songwriting e sull'approccio alla musica in generale. Il piglio penetrante del disco è stato la quintessenza delle influenze dei Sabire e dell’acid metal

3. Loreena McKennit - The Mask and the Mirror ”Il Suono corposo di questo album e la voce di Loreena hanno una grande influenza su di me  e I Sabïre. La pienezza del suono  qui è vitale per bilanciare il suono pungente dell’ Acid Metal. Puoi sentirlo chiaramente su "Helheim", "Daemons Calling" e persino su"Slave to the Whip".

4. Bathory - s/t. Quest’album è stato un altro fattore essenziale per il mio modo di suonare la chitarra. Suono pure una Ibanez Destroyer, come Quorthon prima di me! Non dirò mai abbastanza quanto questo e The Return mi abbiano aiutato a dar forma al souno dell’Acid Metal

5. Venom - Black Metal Quest’album non è “acidico” come gli altri. Ma tutto, dallo stile di chitarra e di basso, passando per l’approccio di batteria, sono stati vitali per i Sabire. Il groove e la potenza di quest’album sono il tuono dentro ai Sabire,

!!BONUS!!

6. The Beatles - A Hard Day’s Night Non potevo lasciarlo fuori, mi dispiace. Se non fosse per i Beatles, non farei  musica. Anche questo album e i primi album dei Beatles sono fondamentali per il suono di Sabire. Dai ritmi di batteria costanti, alle armonie vocali, dalle intenzioni dietro la voce, persino all'approccio alla produzione, i Beatles e "A Hard Day’s Night" sono una componente fondamentale del suono di Sabïre.



6) C’è qualche band notevole che ha bisogno di esposizione? Svela qualche gemma underground o vanta qualche nome noto.

Gli Smooch da Melbourne sono tra i miei preferiti. Beccatevi il singolo  promozionale uscito su Pissfart records: LINK. Raccomandati a chiunque. I Chevalier finlandesi spaccano, e così anche gli italiani Sign of the Jackal.


7) Qualcosa che ci ha sempre colpito della scena heavy metal sono gli outfit pazzi che i metallari portano con orgoglio! Come dovrebbe essere il look di un metallaro per te? Capo d’abbigliamento heavy metal preferito?

Dovrebbero essere come più preferiscono apparire! Trova quello che ami e sfruttalo al massimo delle tue abilità. Diventa ciò che hai sempre sognato di essere. È difficile scegliere uno solo capo d’abbigliamento heavy metal, ma se devo scegliere, con un paio di orecchini dal look interessante o uno con il pendente singolo non si sbaglia mai.



8) Parliamo delle vostre prossime mosse. Cosa bolle in pentola?

Prima di tutto faremo un singolo standalone “Mistress Mistress”. Dopo avremo un singolo promozionale con extended mix relativo al full lenght che si chiamerà “Jätt,” una parola Streckish per dire inferno. L’album esplorerà in modo ampio e soggettivo del tema dell’inferno. Dopo il full ci sarà un EP da 3 tracce. Oltre questo ci sarà un secondo album di cui artwork e tracce sono già state decise.


9) L’artwork sembra un vecchio libro fantasy. Chi lo ha fatto? Chi sono i tuoi artisti preferiti in termini di arti grafiche?

L’artwork è fatto da Didier Normand, una grande artista. I miei artisti preferiti sono Nick Blinko, Nick Bantock, Francisco Goya, William Blake, Michael Whelan, Vincent Van Gogh, Salvidor Dali, John Martin…gente, ce ne son troppi da nominare!


10) Free space. Grazie mille!

Grazie per la bella intervista. È stato bello parlare con una fanzine punk per cambiare, e mi avete fatto delle domande fighe che non erano mai saltate fuori. Grazie per avermi ospitato.


Read More »

STRUGGLE SESSION- SUDAMERICA RUIDO Y AMOR

0

Questi simpatici giramondo, che vengono da Pechino e sono noti con il nome di Struggle Session si presentato con questo cortissimo e velocissimo 7 pollici di 33 tracce in qualcosa come dodici intensi minuti.
Fautori di un fastcore a tinte grind/thrash, hanno dedicato una canzone di questo lavoro per ogni data del loro allucinantissimo tour di appunto 33 date in Sudamerica (!)
Ogni bordata di rumore è accosta a un personale feeling su ogni posto che hanno visitato e che a quanto pare a livello di esperienze, tra febbri, km macinati, tatuaggi homemade, ha lasciato un ricordo indelebile a questi ragazzi che hanno a loro volta lasciato una testimonianza indelebile di questa fantastica esperienza.
Con "testimonianza indelebile" intendiamo una serie di urla mega isteriche su una base hardcore thrash a tratti grind che li fa sembrare un incrocio tra gli Ulcer e i Voetsek. Adorabili!
Le loro gesta non possono che farci venire in mente i più vicini Neid, anche loro vittime della wanderlast punk/hc, che insieme a loro potrebbero fare uno split e un tour.

_____________

The hardcore wanderers from Beijing named Struggle Session release this blistering slab of vinyl which offers 33 tracks, each song take its name from a city they went during a  crazy and reckless tour where our heroes faced heat, fever, miles and homemade tattoos. Each lyric give a feeling on the city they visited in this titanic DIY odyssey.
Now those famous 33 tracks are distribuited in 10 minutes,guess the sub genre? Of course a thrash, the old fast noise that we are accostumed to blast through our speaker!
We cannot think of the italian grind vagabonds Neid which share their love for long and strange places to visit, and we hope they do a split\tour together.

BANDCAMP

FACEBOOK
Read More »